La mozzarella di bufala campana Dop guarda al futuro. “Abbiamo una grande forza, la nostra zona di origine infatti comprende la parte interna della regione Campania e del basso Lazio, non solo la fascia costiera, ma anche tutti i borghi con le eccellenze dell’entroterra. E in vista dell’estate ormai alle porte puntiamo molto sulla ripresa del turismo, chiave di volta per il consumo della nostra eccellenza”, sottolinea il presidente del Consorzio di Tutela, Domenico Raimondo, in questa intervista all’agenzia Adnkronos.

“Il turista quando viene in Italia cerca sempre di assaggiare la mozzarella di bufala campana – aggiunge il presidente – e quando poi ritorna nel suo paese di origine cerca sempre di ricomprarla. Questo è il connubio e la forza di questo prodotto: quando riusciamo a far provare la mozzarella all’interno della nostra regione o all’interno dei nostri luoghi di produzione, riusciamo poi ad esaltare questo prodotto e a far ricordare al consumatore questa esperienza particolare”.

GUARDA QUI L’INTERVISTA