Ivan Zazzaroni, direttore del «Corriere dello Sport», Angela Frenda, direttore di «Cook» il mensile che racconta le storie di cucina del «Corriere della Sera» e Alberto Ceresoli, direttore de «L’Eco di Bergamo» sono i vincitori dell’edizione 2022 del «Premio Buone Notizie». Il prestigioso riconoscimento, giunto alla tredicesima edizione, è l’unico in Italia a premiare le «buone notizie», cioè non solo l’informazione corretta e completa, ma anche quella pronta a fare un passo in più raccontando la normalità positiva della società.

Il Premio è sostenuto dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, partner dell’iniziativa da diversi anni e impegnato nel promuovere la corretta informazione.

Sabato 21 maggio alle ore 16.30 nella biblioteca del seminario vescovile di Caserta si terrà la cerimonia di premiazione, a cui parteciperà anche il presidente del Consorzio di Tutela, Domenico Raimondo.

Il «Buone Notizie» sceglie anche la «Buona notizia dell’anno», il 2021, in collaborazione con il «Corriere Buone Notizie»: questa volta sono gli artigiani della Bergamasca che costruirono con gli alpini l’ospedale da campo, poi divenuto ben più che da campo, contro il Covid a Bergamo, nel periodo più duro del lockdown.

«Quest’anno dalla giuria popolare e dalla giuria tecnica sono usciti tre filoni straordinari di giornalismo costruttivo per il nostro Paese -spiegano Michele De Simone e Luigi Ferraiuolo, rispettivamente presidente e segretario generale del Premio Buone Notizie – con Ivan Zazzaroni premiamo chi ha saputo interpretare il 2021 come l’anno dei grandi trionfi dello sport azzurro; con Angela Frenda, le buone notizie del territorio e della cucina che hanno reso più leggero un periodo cupo e con Alberto Ceresoli e Giacinto Giambellini due facce della medaglia di Bergamo, capace di essere resiliente contro il covid grazie al giornale che ha fatto comunità e agli artigiani che hanno costruito la speranza».

 

Il «Premio Buone Notizie – Civitas Casertana», è organizzato dal Comitato omonimo e gode del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti nazionale e della Campania; della Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici italiani; del Sindacato dei giornalisti campani; con partner e media partner «Il Corriere Buone Notizie del Corriere della Sera», «Il Mattino», «Famiglia Cristiana», «Tutto il bello che c’è-Tg2 Rai», «Tv2000» e «Inblu2000» Radio.