A TuttoFood 2021 ci siamo divertiti a sperimentare con il cibo!
Grazie a ingredienti d’eccellenza e agli chef internazionali del Laboratorio di Antropologia del Cibo di Milano abbiamo rilanciato la versatilità della Mozzarella DOP. 

Abbiamo fatto tappa in Armenia, con un piatto che esalta una tecnica di cottura tipica del posto, il pilaf, solitamente abbinata al riso, ma stavolta proposta con  Pasta di Gragnano igp e chltik di Mozzarella di Bufala Campana DOP e melanzane.

Ce lo ha preparato chef Shakè, una delle cuoche della comunità armena di Milano, in diretta dalla nostra MozzaMobile.

PILAF DI PASTA DI GRAGNANO CON CHLTIK DI MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA E MELANZANE

Ingredienti per 1 persona

  • 60 grammi di pasta ( o gnocchetti sardi o orecchiette o pasta da
  • minestra tipo risoni, farfalline o tubetti )
  • 120 grammi di acqua bollente
  • 60 grammi di mozzarella di bufala campana
  • 15 grammi di mandorle in filetti
  • 15 grammi di uvetta
  • 20 grammi di cipolla
  • 40 grammi di melanzane
  • 30 grammi di pomodoro
  • 10 grammi di prezzemolo tritato
  • 10 grammi di olio extravergine di oliva
  • 10 grammi di olio di girasole
  • 1 grammo spezie ( cannella, chiodi di garofano, cumino )
  • 1 grammo di aceto di mele
  • 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
Procedimento
Portare ad ebollizione l’acqua.
In una casseruola rosolare la pasta fino a renderla irregolarmente tostata, aggiungervi l’olio, rimescolare, e l’acqua bollente le spezie, aggiustare di sale e pepe e portare a completo assorbimento. coprire e lasciare riposare.
Quando appena intiepidito aggiungere metà della mozzarella a dadini.
In metà dell’olio di oliva rosolare le cipolle, e passarle in forno fino a che croccanti, aggiustare di sale e pepe e aggiungere le mandorle e l’uvetta.
Nell’olio rimanente rosolare le melanzane tagliate a dadolata fine, allo spegnimento aggiungere l’aceto, il concentrato, il prezzemolo tritato, i pomodori e la mozzarella a dadini. mescolare.
Formare il piatto con la pasta calda, decorare sopra con la cipolla calda e accanto la dadolata a temperatura ambiente.