Fare prevenzione mangiando bene e con gusto! Oggi con la mozzarella di bufala campana DOP questo è possibile. E lo dice la scienza: studi condotti dal professor Giuseppe Campanile del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e dalla professoressa Maria Luisa Balestrieri del Dipartimento di Medicina di Precisione dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli hanno portato all’identificazione nel latte di bufala del Mediterraneo di una molecola del gruppo delle betaine che possiede importanti attività biologiche benefiche.

Ne parliamo nel nuovo numero di Bufala News Magazine, con un ampio reportage.

Le analisi sul latte di bufala del Mediterraneo (che è il secondo latte più consumato al mondo) hanno scoperto, recentemente, la presenza di δ-valerobetaina in livelli superiori rispetto al latte bovino. È scritto tutto nero su bianco in una serie di studi pubblicati sul Journal of Agricultural and Food Chemistry (il più recente risale al gennaio di un anno fa «Antioxidant and Anti-Inflammatory Activities of Buffalo Milk δ-Valerobetaine», Nunzia D’Onofrio, Anna Balestrieri, Gianluca Neglia, et al). «Nel complesso, i nostri dati – spiegano gli studiosi – mostrano la prima prova di efficacia della δ-valerobetaina nella riduzione dello stress endoteliale ossidativo e l’infiammazione, suggerendo un ruolo potenziale di questa betaina come un nuovo composto dietetico con proprietà di promozione della salute».

Questi risultati scientifici hanno messo in evidenza che il latte di bufala arricchito con la betaina mostra un potenziale anticancro più alto e non si può escludere che tale efficacia possa derivare dall’azione sinergica di questa biomolecola con altri componenti bioattivi del latte.

Siamo di fronte a evidenze che svelano il potenziale di questa betaina, unitamente a altre molecole naturali presenti nelle produzioni di latte e derivati del latte nel ridurre il rischio di cancro del colon retto e del cavo orale, aprendo la strada a ulteriori ricerche su strategie innovative per ottimizzare il loro contenuto negli alimenti per sostenere la salute e il benessere umano.